mercoledì 2 maggio 2018

I thriller di Edvige#8 – Fiori sopra l'inferno


ValeLanino


Molte persone mi hanno parlato bene di questo libro e ho letto mille recensioni positive ma finché non ci ho messo il naso non potevo dire la mia... Dopo averlo finito ho capito che sarei stata la milionesima e uno che parlasse bene de "Fiori sopra l' inferno" della Tuti. Innanzitutto voglio complimentarmi con la scrittrice per la storia, di solito (e chi legge molti thriller come me lo sa) le trame sono trite e ritrite,  cambiano i nomi e i luoghi ma le situazioni sono le medisime, invece questo libro finalmente ha una trama di cui non avevo ancora letto.

Il libro si presenta da subito molto intrigante e ti invoglia ad andare avanti fin dalle prime pagine. Lettura molto scorrevole e molta suspance.

Parliamo del personaggio principale: il Commissario Teresa Battaglia. Vi è mai capitato di conoscere una persona e di primo acchito ti sta sul bip? A me lei ha fatto questo effetto fino a quando non si è fatta conoscere meglio. È una donna che ha sofferto e che soffre tutt' ora per le difficoltà che la vita gli ha messo davanti. Ha le spalle larghe, a volte un po' troppo acida ma fa parte del personaggio che ad oggi adoro.

Tornando a parlare del libro posso solo dirvi che non va raccontato perché nessuno può trasmettervi ciò che mi ha trasmesso la lettura. Leggetelo e non ve ne pentirete.

La Tuti è una scrittrice sensazionale e sarò felice di leggere gli altri libri che seguiranno questo!


Per leggere anche la recensione di SimoCoppero cliccate qui

7 commenti:

  1. ciao, scusate il fuori tema...
    Ti racconto una storiella.
    Tutto cominciò lo scorso mese, quando google mi inviò un cattivissimo avviso di "problemi nel suo account". Controllai e mi insultai: era la solita richiesta di dati. Per sicurezza cambiai password ed uscii.
    Appunto. Uscii.
    E, come Enrico Fuschi di vanisarchiana memoria, non si sa se riuscirò a rientrare o, meglio, quando. Sono nel pieno del "Grand Tour delle ASL" (Loredana, ho scelto una paio di scarpette sportive così comode che se senti un coro di alleluia, sappi che sono i miei piedi... meglio, saranno: dalla scelta alla consegna, i tempi sono quelli biblici dell'antico testamento) e ci si è aggiunta la seconda cataratta di mamma (miracolo, sì: di solito dal primo occhio al secondo fanno passare almeno un anno, mamma ha fatto il destro a fine gennaio). Tutto questo pippone per dire che siamo ancora nella clinica col personale in sciopero e Neurino-mio vacilla. Insomma, devo cercare seriamente l'agendina dove segno le istruzioni e le password: dopo che l'ho cambiata, non ricordo dove ho infilato il dannato quaderno. So che non l'ho buttato, devo essere solo più tranquilla per guardare in "posti alternativi" ed insospettabili. In freezer non c'è ed è la cosa più importante.

    Detto questo, complimenti a Vale per i thriller di Edvige, ha segnalato libri molto appetibili!
    L'Amanita esule

    RispondiElimina
  2. altro pezzo perso: complimenti non solo a Vale, ma a tutte...
    L'Amanita svanita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco svelato il mistero dell'Amanita svanita, e delle sue spore congelate. Sicura che in freezer non ci sia il quadernetto incriminato? E lo sai che Enrico Fuschi non è il miglior modello di comportamento che potevi scegliere, insomma! :-D
      Magari passo da te e ti aiuto a cercare. Hai visto mai che lo troviamo subito.
      E mettiti comoda, che ne stanno per arrivare altri, di suggerimenti libreschi!

      Elimina
  3. Brava, infierisci, aggiungi titoli :D
    ...comoda? Durante il grand tour? Sono una sognatrice, ma la luuuunga esperienza mutualistica mi suggerisce cautela. Spero di (dita incrociate) essere un po' più tranquilla verso fine maggio e ti ospito volentieri, con o senza quaderno.
    Vi saprò poi dire qualcosa su Girelli, mi hanno passato anche il settimo esorcista (grazie Marisa, anche per Vani4)
    E, fuori tema per fuori tema, che ci dici del Salone dei libri?
    L'Amanita sbacalita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... che ci sono, ancora per quest'anno! E penso che sarà ancora più festa degli altri anni. Ho quest'idea, almeno. Ti saprò raccontare meglio!

      Elimina
  4. Ragazze, questo libro devo leggerlo, ma ancora devo comprarlo. Sacrilegio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no, nessun sacrilegio... considera tutti i libri che hai letto in pochissimi giorni, e tutto ti viene perdonato! :-D

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...